Eccellenze Italiane, Visit Gaeta

Cosa visitare in un weekend a Gaeta

Benvenuti nella Guida Definitiva per uno splendido weekend a Gaeta!

Ci troviamo a Gaeta, un borgo affacciato sulle coste del Tirreno, intriso di storia millenaria e avvolto da un'atmosfera suggestiva che cattura l'animo dei visitatori. Noi di Kè Eat siamo grati di essere immersi in questo paese dalle perle di cultura che si rincorrono in ogni suo angolo, un viaggio che abbraccia l'epoca dell'Impero Romano, il fascino del Medioevo e le sfide dei giorni moderni.

Nel nostro articolo, ci addentreremo nella storia di Gaeta, narrando le sue vicende affascinanti che si intrecciano con il destino del Mediterraneo. Successivamente, vi guideremo su Cosa visitare in un weekend a Gaeta attraverso un itinerario suddiviso in due giorni, ognuno pensato per soddisfare diverse esigenze e interessi, consentendo a tutti voi, di scoprire il meglio di questa splendida città in un weekend indimenticabile.

Siete pronti a lasciarvi incantare dalle antiche mura, dalle viuzze, dai monumenti che narrano segreti e dalle vedute mozzafiato sul mare?

Se non vuoi leggere tutto l'articolo clicca sulle informazioni di tuo interesse

La storia di Gaeta: tra Glorie antiche e progresso

Nel suggestivo borgo medievale di Gaeta, le mura di pietra raccontano storie millenarie di nobili imperatori romani, fieri cavalieri medievali e arditi difensori della libertà. Questo luogo incantato, immerso nel profumo salmastro del mare Tirreno, è il palcoscenico di un'epica saga che abbraccia millenni di storia.

In principio, Gaeta si ergeva fiorente già nell'antichità, quando i romani ne facevano meta delle loro vacanze estive, attratti dalle acque cristalline e dalle dolci brezze marine. La costruzione della Via Flacca, una strada romana che tagliava attraverso le selvagge terre del Lazio e della Campania, portò flotte di nobili a varcare le porte della città, trasformandola in un luogo di svago e intrighi politici.

Ma fu durante l'era medievale che Gaeta si distinse come baluardo della civiltà, quando le temute invasioni barbariche minacciarono le sue mura. Fu allora che il castello, imponente e inespugnabile, sorse sulla sommità del borgo, pronto a difendere con fierezza l'antica città e i suoi abitanti.

Nel caos delle epoche, Gaeta mantenne la sua identità, resistendo alle dominazioni straniere e abbracciando la propria autonomia con fierezza, al punto che fu considerata una vera e propria Repubblica Marinara. Le vicende dei duchi di Gaeta, che per secoli regnarono su queste terre indomite, sono incise nelle pietre dei suoi antichi palazzi e nelle leggende tramandate di generazione in generazione. E poi giunse il Risorgimento, l'epoca degli ideali di libertà e unità nazionale, che fecero vibrare Gaeta nel suo cuore pulsante. L'assedio delle forze straniere, la fuga del papa Pio IX e infine la resa di Francesco II di Borbone segnarono il destino della città, che abbracciò con coraggio e dignità il cammino verso un'Italia unita e libera.

Oggi, passeggiando per le antiche strade di Gaeta, si può ancora percepire l'eco di quei tempi lontani, nelle pietre levigate dalle onde del mare e nei racconti degli anziani che custodiscono gelosamente la memoria di un passato glorioso, passeggiando sul lungomare è possibile visitare un giardino pubblico, che nel 1926 accolse il monumento ai Caduti con la statua bronzea della Vittoria alata, opera di Aurelio Mistruzzi. La villa e la piazza vennero poi dedicate al generale Vincenzo Traniello. E mentre il sole cala all'orizzonte, tingendo il cielo di tonalità rosate e arancioni, Gaeta continua a essere una testimonianza vivente di un'epoca di eroismo, passione e indomita bellezza.

I nostri consigli e informazioni utili

I mesi migliori per visitare Gaeta sono senza dubbio quelli compresi tra maggio e settembre, quando la città si rivela in tutto il suo splendore estivo. Durante questi mesi, è possibile godere appieno delle numerose attività che il luogo offre, dall'esplorazione delle sue incantevoli spiagge fino alla degustazione della ricca gastronomia locale. Tuttavia, anche nei mesi invernali, Gaeta non smette di stupire i suoi visitatori. Tra gli eventi in questo periodo dove potrete trovarci, spiccano le celebrazioni legate al San Valentino, rispettivamente il 14 Febbraio e il 17 Febbraio, che regalano un tocco romantico alla città, e l'ormai tradizionale appuntamento con le Favole di Gusto, un evento attivo ogni sabato e domenica di marzo che da anni delizia i palati degli appassionati di buon cibo e convivialità. Insomma, Gaeta è una meta da scoprire tutto l'anno, dove ogni stagione offre esperienze uniche e indimenticabili.

Gaeta: itinerario per tutte le stagioni (Giorno 1)

Partendo dal suggestivo centro storico di Gaeta, caratterizzato da stretti vicoli e antiche piazzette, vi consigliamo di esplorarlo a piedi per assaporare appieno l'atmosfera autentica della città, evitando eventuali problemi legati alla ZTL, DA QUI è possibile visualizzare l'intero itinerario creato apposta per voi! (La durata dell'itinerario impegna circa mezza giornata, vi consigliamo dunque di implementare una vista alle incantevoli spiagge che Gaeta offre per godervi mare, sole e relax)

Via dell'indipendenza

Il nostro viaggio inizia dalla zona del lungomare Caboto in prossimità del monumento ai caduti della prima guerra mondiale, da lì dirigetevi verso VIA DELL INDIPENDENZA, una strada costellata di botteghe storiche che offrono prodotti tipici locali e manufatti artigianali. Lungo il percorso, non potrete fare a meno di notare PIAZZA GOLIARDIA SAPIENZA, dove spicca il magnifico MURALES DI MANOLO MESA dedicato alla memoria della signora Marisella, una figura leggendaria del mercato locale. Continuando lungo il lungomare Caboto, vi imbatterete nel maestoso SANTUARIO DELLA ANNUNZIATA, un importante luogo di devozione cattolica che risale al XIII secolo e custodisce preziosi tesori artistici.

Tempio di San Francesco d'Assisi

La vostra esplorazione vi condurrà poi al suggestivo TEMPIO DI SAN FRANCESCO D'ASSISI, un'antica chiesa risalente al XIII secolo, costruita grazie alle generose donazioni di Carlo II d'Angiò. L'edificio, restaurato nel XIX secolo in stile neogotico, conserva ancora oggi il fascino dei tempi passati.

Castello Angioino

Il clou della vostra visita sarà la maestosa ROCCA ANGIOINA, un'imponente fortezza risalente al VI o VII secolo, che ha giocato un ruolo significativo nella storia della città durante i periodi di guerra con i Goti e i Longobardi, porta con se una storia ricca e complessa, Ammirate le sue imponenti mura e lasciatevi trasportare indietro nel tempo. Per info su guida e biglietti CLICCA QUI

Punta Gaeta

Continuando lungo la suggestiva VIA ARAGONESE, raggiungerete infine PUNTA GAETA, un promontorio panoramico che offre una vista mozzafiato sul mare e sulla città. Approfittate di questo scenario spettacolare per catturare fotografie indimenticabili e respirare l'aria salmastra del Mediterraneo. Per concludere questa giornata all'insegna della scoperta e dell'avventura, vi consigliamo di fare una sosta presso il magnifico PORTO DI GAETA.

Kè Eat vuò magnà?

Al termine di questo viaggio nel passato, non c'è modo migliore per completare la vostra esperienza a Gaeta che esplorare anche l'aspetto culinario della sua storia. Vi invitiamo a deliziare il vostro palato con i sapori autentici e le ricette tradizionali reinterpretate con creatività da Kè Eat, dove ogni piatto è un'opportunità per assaporare l'essenza della cultura gastronomica locale. Buon appetito!

Via Dell'Indipendenza
Tempio di San Francesco
Castello Angioino
Previous slide
Next slide

Gaeta: itinerario per tutte le stagioni (Giorno 2)

Il secondo giorno del vostro viaggio a Gaeta vi porterà in un'avventura tra bellezze naturali e tesori culturali. Iniziate la giornata con una rilassante passeggiata lungo il suggestivo lungomare di Gaeta, dove il profumo del mare vi accompagnerà lungo il vostro cammino, in questa seconda giornata vi consigliamo abbigliamento sportivo e di affittare una bici per facilitare gli spostamenti (Caneschi un negozio che permette di noleggiare bici) , CLICCANDO QUI è possibile visualizzare l'intero itinerario creato apposta per voi! (La durata dell'itinerario impegna circa mezza giornata, vi consigliamo dunque di implementare una vista alle incantevoli spiagge che Gaeta offre per godervi mare, sole e relax)

Terrazza panoramica sulla Spiaggia di Serapo

A partire da Via Firenze, dirigetevi verso la suggestiva TERRAZZA PANORAMICA SPIAGGIA DI SERAPO, dove potrete godere di uno dei panorami più spettacolari, La vista sul mare e sulla spiaggia di Serapo vi lascerà senza fiato e vi regalerà momenti di pura contemplazione.

Santuario della Santissima Trinità

Continuate il vostro percorso verso Montagna spaccata, su questo promontorio si erge il SANTUARIO DELLA SANTISSIMA TRINITA', un luogo sacro di grande importanza storica e spirituale, è stato edificato dai monaci benedettini nel l'XI secolo, la costruzione sacra si colloca in un contesto molto insolito, circondato dalla natura e avvolto nel mistero.

Grotta del turco: Tra leggenda e spirito

Dopo aver assorbito la spiritualità del santuario preparatevi a scendere ben 300 gradini fino alla suggestiva GROTTA DEL TURCO, una meraviglia naturale, la leggenda narra che questo squarcio nella terra fu provocato dalla rottura in 3 parti del tempio di Gerusalemme quando Gesu Cristo fu crocifisso, anche sul nome della grotta aleggia una leggenda, lungo la stretta spaccatura di roccia sulla destra della scalinata, c'è un'iscrizione latina. Sopra di essa, un'impronta inquietante di una mano traslucida è impressa nella roccia. Si dice che appartenesse a un marinaio turco, miscredente e scettico sull'origine sacra delle spaccature della montagna. Tuttavia, quando egli appoggiò la mano sulla roccia, questa si liquefece istantaneamente come cera sotto le sue dita, lasciando un'impronta nitida delle 5 dita che ancora oggi è visibile.

Le Polveriere

Proseguite poi nell'immersivo sentiero delle Falesie della Montagna Spaccata, tra gli alberi secolari e una vista mozzafiato sulla costa, durante il percorso è possibile visitare le POLVERIERE, un'importante testimonianza storica della presenza e dell'attività umana a Monte Orlando in epoche passate e si inseriscono nel complesso di fortificazioni e manufatti di edilizia militare risalenti al periodo delle dominazioni aragonese e borbonica. Anche in epoche più recenti, come del resto già in quella romana, veniva apprezzata la straordinaria posizione strategica di Monte Orlando. Le polveriere racchiudono, in mura poderose, installazioni in cui era custodito materiale bellico. Oggi sono conservate in buono stato e chiaramente visibili la Carolina, la Ferdinando e la Trabacco.

Mausoleo di Lucio Munazio Planco

Per concludere la vostra giornata in bellezza, non perdete l'opportunità di visitare il MAUSOLEO DI LUCIO MUNAZIO PLANCO, noto come la "Torre d'Orlando", si erge maestoso e intatto nel corso dei secoli, nonostante le tumultuose vicende che hanno afflitto la città sottostante. È comprensibile perché il console romano Lucio Munazio Planco abbia scelto questo luogo per la sua dimora eterna e come custode del suo riposo eterno. La sua imponenza e la sua longevità testimoniano la grandezza e la durata dell'antica Roma, offrendo un'aura di eternità al suo occupante.

Kè eat vuò magnà?

Al termine di questo viaggio nel passato, non c'è modo migliore per completare la vostra esperienza a Gaeta che esplorare anche l'aspetto culinario della sua storia. Vi invitiamo a deliziare il vostro palato con i sapori autentici e le ricette tradizionali reinterpretate con creatività da Kè Eat, dove ogni piatto è un'opportunità per assaporare l'essenza della cultura gastronomica locale. Buon appetito!

Grotta del Turco
Grotta del Turco
La Polveriera Carolina
Mausoleo di L. Munazio Planco
Previous slide
Next slide

Le spiagge di Gaeta: Esplorando le Sette Meraviglie Naturali

Immagina di camminare lungo una costa baciata dal sole, dove il mare Tirreno si tinge di sfumature turchesi tra le località di Gaeta e Sperlonga e il profumo di salsedine ti avvolge dolcemente. Benvenuti nelle Sette Spiagge di Gaeta, un'ode alla bellezza naturale che incanta i sensi e nutre l'anima.

Spiaggia di Serapo

La Spiaggia di Serapo, fiore all'occhiello di Gaeta, incanta i visitatori con la sua sabbia dorata e la sua posizione centrale, a breve distanza dal cuore della città e dal borgo medievale. Famosa per i suoi numerosi stabilimenti balneari, attira turisti provenienti da ogni angolo del mondo desiderosi di godersi il mare cristallino e le sue spiagge incontaminate. Protetta a sud dal maestoso Monte Orlando, che ospita il suggestivo Santuario della Montagna Spaccata, e a nord da un altro promontorio costiero, Serapo offre una cornice naturale mozzafiato. È un luogo amato soprattutto dai residenti, che vi portano le loro famiglie per trascorrere giornate di relax e divertimento. Con una vasta scelta di lidi e stabilimenti lungo il suo chilometro e mezzo di spiaggia, Serapo promette esperienze indimenticabili per i visitatori di tutte le età.

Spiaggia di Fontania

Fontania, incastonata in una posizione sublime, fu la residenza scelta dal console romano Gneo Fonteo, un tempo. Ancora oggi, le rovine della sontuosa villa romana del I secolo d.C. testimoniano il suo glorioso passato. Lungo il lato orientale della spiaggia si ergono due imponenti grotte, mentre in fondo alla grotta sinistra si trova una piccola sorgente d'acqua. Nelle acque cristalline, ancora si intravedono i resti di sei imponenti piloni, suggerendo che in passato quest'area ospitasse una vasta piscina, comunicante con il mare. Fontania racconta una storia millenaria, dove il lusso e la bellezza si fondono con la maestosità della natura, offrendo ai visitatori un'esperienza unica e indimenticabile.

Spiaggia dei 40 Remi

La Spiaggia dei 40 Remi, un piccolo paradiso accessibile solo via mare tramite barca, canoa o nuotando, deve il suo nome al numero di remate necessarie per raggiungerla dalle vicine banchine. Nei pressi di questa pittoresca spiaggia si trova il misterioso Pozzo del Diavolo, conosciuto anche come Pozzo delle Chiavi, una grotta che si apre improvvisamente nella roccia e si tuffa nel mare per oltre 50 metri di profondità. Grazie alla sua posizione remota, l'unico modo per raggiungerla è tramite piccole imbarcazioni o a nuoto. Guardare il cielo stellato attraverso questa fenditura nella roccia durante la notte offre un'esperienza senza pari, immergendo gli osservatori in un universo di meraviglia e fascino.

Spiaggia dell'Ariana

La Spiaggia dell'Ariana, rinomata per la sua cristallina bellezza, merita ogni lode con le sue acque insignite della Bandiera Blu, simbolo di qualità e purezza. Il suo nome, Aria-Sana, racconta antiche storie locali, mentre la sabbia finissima e il mare trasparente creano un'atmosfera da sogno, avvolta dalla profumata macchia mediterranea. I caratteristici "scogli dei tre cani" ne segnano l'identità unica. Remota dal centro cittadino e protetta dall'abbraccio del promontorio, questa spiaggia offre un rifugio di pace e serenità, un'oasi di relax lontana dal frastuono quotidiano.

Spiaggia dei 300 Gradini

La Spiaggia dei 300 Gradini deve il suo nome al passato, quando l'unico accesso richiedeva la discesa di una scalinata di precisamente 300 gradini. La sua sabbia dorata e finissima, abbracciata da acque cristalline, crea un'atmosfera magica che rimane impressa nella memoria di chiunque la visiti, un luogo incantevole, dove natura e comfort si fondono armoniosamente, offrendo un'esperienza indimenticabile ai suoi visitatori.

Spiaggia di San Vito

San Vito, un tesoro segreto adagiato oltre la baia riservata del prestigioso Grand Hotel Le Rocce, offre uno scenario mozzafiato. Al cospetto della maestosa Torre che domina il promontorio, questa spiaggia è un'oasi di serenità dove ci si può ancora immergere in acque cristalline e esplorare grotte marine e calette appartate. Tuttavia, l'accesso è limitato agli ospiti degli esclusivi Hotel Summit e Ninfeo nelle vicinanze. Il fondale marino regala emozionanti esperienze subacquee, mentre il mare ospita spesso velieri in cerca di riparo, trasformando questo angolo di paradiso in una destinazione unica al mondo.

Spiaggia di Sant'Agostino

La Spiaggia di Sant'Agostino emerge come il punto più esteso e frequentato di Gaeta.Tra maestose cadute rocciose e un mare dal blu intenso, questa spiaggia offre sia tratti liberi che zone attrezzate. È rinomata anche tra gli appassionati di arrampicata, attratti dalle imponenti pareti rocciose del Monte Moneta. Queste pareti, con i loro strapiombi leggendari, rappresentano una sfida ambita nel mondo del free climbing, con l'eccezione del periodo di nidificazione del falco pellegrino, dal 25 febbraio al 15 aprile.

Vieni a Trovarci

Vieni a scoprire tutte le nostre specialità e prenota il tuo tavolo per gustare la vera pizza napoletana e le altre delizie della nostra cucina italiana. Clicca qui per consultare il nostro menu o prenotare un tavolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *